Comunicato stampa "AL ROMBO DEL CANNON – GRANDE GUERRA E CANTO POPOLARE"

Brentonico “Gli Oracoli del sabato”

Sabato 30 marzo 2019 ore 17.00, Biblioteca comunale

AL ROMBO DEL CANNON – GRANDE GUERRA E CANTO POPOLARE

Presentazione dell’omonimo libro (Castelli-Jona-Lovatto, Neri Pozza Editore, 2018) con QUINTO ANTONELLI.

Ingresso libero e gratuito.



Sarà lo storico Quinto Antonelli l’ospite de “Gli Oracoli del sabato” di sabato 30 marzo 2019 ad ore 17.00 presso la Biblioteca comunale di Brentonico. Antonelli presenterà il libro “Al rombo del cannon – Grande Guerra e canto popolare” (Castelli-Jona-Lovatto, Neri Pozza Editore, 2018). A un secolo di distanza, si può oggi non avere più dubbi sul fatto che la prima guerra mondiale vada considerata come un grande evento scardinatore e generatore, un evento che con la sua spaventosa liturgia di sangue ha spalancato le porte alla società di massa. Sei milioni di soldati prelevati dalle loro piccole patrie e gettati nella fornace della guerra, tutti portatori di una Babele di linguaggi dialettali, per la prima volta incontrarono e si scontrarono in un immenso rimescolamento di culture locali e di alfabetizzazione forzata. Fu una guerra che ruppe i limitati confini linguistici e culturali, fece incontrare e dialogare popolazioni lontanissime l’una dalle altre e realizzò una prima reale unificazione nazionale dando vita a un italiano popolare comune. La concentrazione di queste masse di soldati privilegiò un canto non più dialettale ma italico, prodotto da soldati che in genere non sapevano per chi e per cosa combattevano e non avevano in testa l’Italia, ma il casolare, il paese, la madre, la moglie e i figli, e a quei luoghi e a quegli affetti era rivolta la maggior parte dei loro pensieri. Durante il conflitto si cantò molto, come non era mai avvenuto in passato e non avverrà più nel futuro, ma mentre i canzonieri ufficiali risuonarono di inni patriottici colmi di retorica (praticamente le canzoni dei cosiddetti ‘cori di montagna’), la guerra realmente cantata dalle classi popolari ci raccontò il dolore della partenza, l’orrore della trincea, la morte negli assalti alla baionetta, lo strazio delle famiglie, il lutto infinito di un’intera popolazione che vedeva decimata la sua gioventù, il rifiuto e la contestazione della guerra, l’elogio della diserzione, la satira e la parodia dissacrante, le canzoni licenziose. Corredato da illustrazioni d’epoca e accompagnato da due cd con 161 registrazioni originali, il libro restituisce le ansie, gli affetti, le sofferenze, le invettive, in una parola le passioni di chi partecipò a quell’immane conflitto, che fu un’immersione terribile e cruenta nella modernità e nei suoi nuovi terrificanti strumenti di morte: cannoni a lunga gittata, aeroplani, carri armati, gas asfissianti. “Al rombo del cannon” indaga tutti questi versanti della «guerra cantata» analizzandone le forme musicali e letterarie. Per il suo ampio respiro e l’accuratezza dell’indagine, è un’opera che rappresenterà a lungo un riferimento essenziale per chiunque voglia accostarsi al canto popolare della Grande Guerra. Il libro contiene anche alcuni riferimenti ai canti dei profughi brentegani della Grande Guerra. Ingresso libero e gratuito.



Data di fine validità
30/03/2019

Giovedì, 28 Marzo 2019

Questionario di valutazione

Inserisci il codice di sicurezza che vedi nell'immagine per proteggere il sito dallo spam

© 2019 Comune di Brentonico powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl